Golden Goose Deluxe Brand Recensioni

Golden Goose Deluxe Brand RecensioniNo Comments

You Are Here:Golden Goose Deluxe Brand Recensioni

E’ comunque anche questo un film fortemente anticattolico anche se qui il terribile non è il papa ma l’inventore della santa inquisizione: re Filippo II di Spagna! Anche in questo film la “regina vergine” s’innamora ma, dice lei, vergine vuol restare; tuttavia sembra quasi impazzire di gelosia quando viene a sapere che la favorita delle sue ancelle (la bellissima Abbie Cornish!)aspetta un figlio dal pirata che amava, il quale si comporta da galantuomo sposando l’ancella, colpevole di essersi maritata senza il permesso della regina!Dovrebbero essere tre stelle e mezza, visto che ne ho date tre al primo; comunque, anche se arriva dopo 9 anni è un bel sequel anche se degli attori del primo rimangono solo Cate Blanchett (ottima regina Elisabetta I^ combattente in armatura!) e Geoffrey Rush. E’ comunque anche questo un film fortemente anticattolico anche se qui il terribile non è il papa ma l’inventore della santa inquisizione: re Filippo II di Spagna! Anche in questo film la “regina vergine” s’innamora ma, dice lei, vergine vuol restare; tuttavia sembra quasi impazzire di gelosia quando viene a sapere che la favorita delle sue ancelle (la bellissima Abbie Cornish!)aspetta un figlio dal pirata che amava, il quale si comporta da galantuomo sposando l’ancella, colpevole di essersi maritata senza il permesso della regina! Questo film, a differenza del primo ha molte scene di battaglie spettacolari che lo rendono meno pesante del primo, ed è fatto molto bene! Alla fine tutto si appiana! Unica scena triste ma fedele alla Storia: la decapitazione di Maria Stuarda tra l’altro interpretata dalla bella Samantha Morton!Ottimo film perch sinceramente, a volergli trovare un difetto, l che c l storica; a margine di questo, resta un film che non delude assolutamente sotto tutti gli altri aspetti: sceneggiatura, regia, colonna sonora, attori, costumi, scenografie.E ovvio che la scelta registica tutta elisabettianocentrica e forse proprio questa “smania” di rendere omaggio alla grande regina d ha condotto il film ben oltre la realt storica e ha spinto a trascurare dettagli essenziali che avrebbero prodotto un contorno storicamente pi attinente al vero.E ovvio che la scelta registica tutta elisabettianocentrica e forse proprio questa “smania” di rendere omaggio alla grande regina d ha condotto il film ben oltre la realt storica e ha spinto a trascurare dettagli essenziali che avrebbero prodotto un contorno storicamente pi attinente al vero. La figura di Elisabetta I enfatizzata al limite dell e probabilmente, quindi, anche un po travisata.Un errore che purtroppo tende a nuocere al film, quando a seguirlo sono persone che s di storia, le quali potrebbero obbiettare che Filippo II non era moro ma biondo, quasi albino e di pelle chiara, che Walter Raleigh non prese parte alla battaglia navale, che Elisabetta era senz pi anziana di quanto appare, che non fu per niente dilaniata dal pensiero di mandare a morte Maria Stuarda, anzi, si batt proprio per questo, e che in fine essa non fu garante di alcuna libert di coscienza e di credo.Comunque magnificenti le ambientazioni e i costumi, in pieno stile Da Oscar l della protagonista.

About the author:

Lascia un commento

Top